Programmi Operativi per l'utilizzo dei Fondi Europei

La politica di coesione dell’Unione Europea viene realizzata anche attraverso lo stanziamento di specifici Fondi Strutturali di Investimento per il finanziamento di progetti e interventi infrastrutturali in ciascuna regione europea. La loro caratteristica principale è quella di coinvolgere gli attori nazionali e regionali nella loro gestione e nel loro utilizzo.

Le principali caratteristiche di questi fondi sono:

• l’ammontare messo a disposizione è dato dalla somma di un contributo proveniente dal bilancio comunitario e di un contributo proveniente dal bilancio del singolo Paese membro che ne beneficia;
• le linee programmatiche e operative vengono declinate, implementate e monitorate attraverso un processo di consultazione collettiva che coinvolge, oltre alle istituzioni comunitarie, anche le amministrazioni nazionali, regionali e locali, nonché le parti sociali e le organizzazioni della società civile, per riflettere al meglio le esigenze e le priorità locali e regionali;
• i Programmi Operativi (PO), che costituiscono il punto di arrivo della fase di programmazione dei Fondi Strutturali, hanno una valenza specifica a livello nazionale e regionale (cosiddetti POR e PON, programmi operativi regionali e nazionali);
• la gestione (inclusa la definizione, la pubblicazione e l’aggiudicazione dei bandi, il monitoraggio dei progetti, l’erogazione dei contributi, ecc.) non spetta alla Commissione europea ma ad Autorità di Gestione operanti a livello nazionale e regionale: per questo motivo i Fondi Strutturali vengono anche definiti finanziamenti a gestione indiretta.