Stazioni, luoghi per le città

L’Italia delle cento città è anche l’Italia delle oltre duemila stazioni, nodi fondamentali della rete in cui le attività e i servizi di RFI entrano in contatto diretto con i clienti delle Imprese Ferroviarie, i viaggiatori, e in cui l’infrastruttura entra in contatto diretto con le realtà urbane e con i loro abitanti.

Interno Stazione Santa Maria Novella

Punti di snodo e di alimentazione dell'infrastruttura ferroviaria, le stazioni insieme ai treni hanno storicamente portato sul territorio il segno tangibile della rivoluzione industriale fondendo insieme l’aspetto di grande edificio cittadino con l’aspetto funzionale di un sistema di tipo produttivo. Dal loro sorgere, sono state le stazioni a dare valenza urbana a centri rurali e nelle grandi città, con la monumentalità della loro architettura e la centralità della loro funzione, hanno dettato le nuove logiche dello sviluppo urbanistico. Di nuovo oggi, con le stazioni per l'Alta Velocità, torna il binomio ferrovia/grande architettura a servizio delle città e, con nuovi modelli di gestione e di intervento, le stazioni si connotano sempre più, non solo come luoghi di viaggio, ma anche di incontro, socialità e consumo a servizio della collettività.

    le stazioni regione per regione

Vivibilità, fruibilità e comfort in stazione

esterno stazione Milano Centrale

Pulizia, decoro, sicurezza, disponibilità di servizi commerciali e di collegamenti con le altre modalità di trasporto fanno delle stazioni luoghi di incontro, di socialità, di consumo non solo per i viaggiatori ma per l’intera collettività

Accessibilità

ingresso sala blu

RFI, in qualità di Station Manager, garantisce l’accessibilità delle stazioni con particolare attenzione alle persone con disabilità o persone a ridotta mobilità (PRM), fornendo adeguati servizi di assistenza