Siglato contratto tra STARS e RFI per il monitoraggio dei passaggi a livello

E’ stato firmato a Roma dal Consorzio STARS – Railway Systems con Rete Ferroviaria Italiana un contratto per la fornitura di sistemi di monitoraggio di passaggi a livello denominati PAI-PL (Protezione Automatica Integrativa - Passaggi Livello).

Il Consorzio Stars, Safe Track With Automatic Radar Systems, è una realtà nata dalla sinergia tra due aziende, la IDS Ingegneria Dei Sistemi e la Intecs, due società toscane presenti e attive su mercati nazionali ed internazionale con soluzioni ad elevato contenuto tecnologico e di innovazione

L'accordo raggiunto con RFI prevede la fornitura, la posa in opera e l’attivazione di 100 sistemi PAI PL tipo Sirio LX, i nuovi e sofisticati prodotti di sicurezza ferroviaria del Consorzio STARS – Railway Systems. In questa prima fase Sirio sarà installato e messo in servizio su quattro passaggi a livello di alcune linee ferroviarie della Lombardia e della Toscana.

“I 100 Sirio LX, che si prevede siano installati nell’arco di un anno, avranno lo scopo di rilevare ostacoli all’interno dei passaggi a livello - ha annunciato il presidente del Consorzio Stars Domenico Torlucci - e di segnalare prontamente la loro presenza agli operatori che controllano e gestiscono il traffico ferroviario attraverso gli impianti di segnalamento ferroviario.”

Questi prodotti si basano su un’innovativa tecnologia radar e su algoritmi dedicati a tale applicazione che consentono alte prestazioni anche in caso di condizioni atmosferiche avverse.

Il sistema è inoltre conforme ai massimi livelli di sicurezza SIL 4 CENELEC 50129 richiesti dalla normativa vigente applicabile.

Rete Ferroviaria Italiana, avvalendosi dei prodotti del Consorzio STARS –Railway Systems, sta investendo importanti risorse economiche per proteggere l’area dei passaggi a livello, punto di intersezione fra il trasporto su ferro e quello su gomma, che per il mancato rispetto del Codice della Strada (articolo 147) registrano spesso incidenti, come evidenziato dall’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria (ANSF).