Per il trasporto passeggeri

passeggeri

Sui suoi oltre 16.720 km di rete e con le sue oltre 2.000 stazioni a servizio dei viaggiatori, RFI assicura ai suoi clienti - imprese ferroviarie, regioni e altri stakeholders - la disponibilità di una fitta ed estesa infrastruttura di collegamento che serve direttamente tutti i comuni italiani con più di 75.000 abitanti e il 97% dei comuni con più di 50.000 abitanti.

In base alle caratteristiche delle linee presenti nei diversi territori e grazie a misure gestionali e operative adottate da RFI in risposta alle esigenze dei diversi bacini di utenza e agli obiettivi di innalzamento dell’attrattività del sistema ferroviario rispetto alle altre modalità, a servizio delle grandi aree metropolitane così come delle piccole città, l'infrastruttura ferroviaria consente di effettuare sempre più efficienti servizi di trasporto passeggeri sia sulle lunghe e medie percorrenze (long haul) sia in ambito metropolitano e regionale (Trasporto Pubblico Locale - TPL).




Nel settore del long haul – caratterizzato dal 2008 dall’attivazione delle nuove linee Alta Velocità/Alta Capacità, negli ultimi anni l’offerta di trasporto lunga percorrenza è stata potenziata con collegamenti sempre più frequenti e veloci. In continua evoluzione, la rete AV/AC vede in funzione le nuove tratte  Torino-Milano, Milano-Bologna, Bologna-Firenze e Roma-Napoli, a 300 km/h1000 km. Lo sviluppo della rete ha riguardato anche le stazioni di connessione delle nuove linee, che sono state ristrutturate e in alcuni casi integrate con progetti completamente nuovi, come ad esempio le stazioni AV già attivate di Torino Porta Susa, Reggio Emilia, Bologna Centrale e Roma Tiburtina. Su tutte le relazioni di traffico interessate dalle nuove linee è stato ridotto il tempo di percorrenza. In particolare il tempo di viaggio tra Milano e Roma, da 4 ore e 30 minuti prima della realizzazione delle linee AV/AC è passato a 3.20 con le fermate intermedie di Bologna e Firenze e a 2.55 senza fermate intermedie.

Impegnativi interventi strategici lungo i core corridore della rete TEN-T definiti a livello nazionale in coerenza con la pianificazione europea, per la maggior parte di medio-lungo termine, sono in corso per lo sviluppo dell’infrastruttura nazionale funzionale ai servizi long haul di lunga percorrenza e per il completamento della rete Alta Velocità/Alta Capacità italiana. Questi riguardano in particolare la realizzazione della nuova linea Torino-Lione (parte italiana) e del nuovo Valico del Brennero, la Galleria di Base del Brennero (parte italiana), il completamento dell’asse “AV/AC Milano-Venezia”, suddiviso in tre progetti: Treviglio-Brescia (da attivare entro il 2016) , Brescia-Verona, Verona-Padova; il Terzo Valico dei Giovi, tra Genova e la rete padana;  la linea ferroviaria Napoli-Bari, con  interventi di raddoppio delle tratte ferroviarie a singolo binario e varianti rispetto agli attuali tracciati; la linea Messina-Catania-Palermo.

Con orizzonte nel breve periodo, sempre in riferimento al settore long haul, sulle linee esistenti AV/AC così come sulle linee tradizionali  sono in corso significativi interventi mirati ad incrementare le prestazioni della rete in termini di capacità, regolarità e frequenza, attraverso un mix di investimenti “leggeri” (tecnologici) e “pesanti” (opere infrastrutturali) finalizzato all’upgrading prestazionale e allo sviluppo della rete AV/AC nonché alla velocizzazione dei tratti antenna AV.  In particolare per le  lunghe e medie percorrenze su linee tradizionali – su cui sono offerti servizi di trasporto “universali” a contributo pubblico tramite treni Intercity e servizi “a mercato”  - sono in corso interventi per il potenziamento dei collegamenti tra i capoluoghi di regione e provincia.