I principali modelli organizzativi di gestione della circolazione

In base alle varie tecnologie con cui sono attrezzate le linee e le stazioni, vengono adottati diversi modelli organizzativi di gestione della circolazione e del traffico ferroviario, denominati sistemi di esercizio. Di seguito i principali.

Dirigenza Locale

In questo sistema di esercizio la circolazione è gestita direttamente dai Regolatori della Circolazione (Capistazione) presenti nelle stazioni, che hanno la responsabilità della sicurezza e del coordinamento della circolazione nella stazione di loro giurisdizione e alle tratte limitrofe.

Dirigenza Centrale

In questo sistema il coordinamento della circolazione dei treni è affidato ad un Dirigente Centrale che stabilisce tutti i provvedimenti di regolazione del traffico su tratti di linea significativi, mentre rimane ai Regolatori della Circolazione (Capistazione) la responsabilità della sicurezza della circolazione nelle loro stazioni.

Dirigenza Centrale Operativa con CTC

In questo caso sia la sicurezza della circolazione che la regolazione del traffico dei treni sono affidate ad un unico operatore (Dirigente Centrale Operativo) per un intero tratto di linea che dal Posto Centrale telecomanda le stazioni sulla linea, dove sono presenti i sistemi che garantiscono la sicurezza.

Dirigenza Centrale Operativa con SCC e ACCM

Questo modello rappresenta l’evoluzione tecnologicamente più avanzata della Dirigenza Centrale Operativa ed integra le funzioni principali di gestione a distanza delle stazioni e di regolazione del traffico sulla linea,  con funzioni come la diagnostica, le informazioni al pubblico e la telesorveglianza.