FS NEWS >

La Politica per la Sicurezza RFI

emanata dall’Amministratore Delegato di RFI il 9 Ottobre 2014

operai al lavoro La rete ferroviaria nazionale costituisce una componente fondamentale dell’articolato Sistema della mobilità del Paese, riferimento ineludibile per la valorizzazione sociale, economica e ambientale del territorio.

Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. (RFI) gestisce la rete ferroviaria nazionale garantendo che la circolazione ferroviaria sull’intera rete avvenga in piena sicurezza, che le tecnologie dei vari settori siano costantemente sviluppate e che la rete stessa sia mantenuta in piena efficienza. 

Nell’attuazione della propria missione RFI pone quali valori fondamentali, la sicurezza della circolazione dei treni e dell'esercizio ferroviario, la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro e la tutela dell’ambiente, esercitando un presidio continuo e diretto sull’equilibrio fra tecnologie, uomini e organizzazione, le tre componenti che garantiscono il miglioramento del livello di prestazione.

In tale modo l’Azienda sostiene i principi guida per la diffusione ed il radicamento di una solida cultura che, fondata sul pieno rispetto delle prescrizioni comunitarie, nazionali regionali e delle altre volontarie, rappresenta il punto di riferimento per coloro che quotidianamente operano all’interno dell’organizzazione, così come per coloro che dall’esterno vi entrano in contatto.

L’approccio che RFI intende diffondere è, in riferimento ai temi della sicurezza, quello di una attenzione crescente alla prevenzione e alle opportunità strategiche, fin dalle fasi di ideazione e definizione di tutti i progetti infrastrutturali, dei servizi offerti e dei processi industriali, partendo dall’inserimento di questi temi fra i prerequisiti prestazionali delle innovazioni tecnologiche ed organizzative.

La concezione, la progettazione, la realizzazione e la manutenzione di linee ed impianti, la gestione dell’infrastruttura e dei terminali ferroviari, la circolazione dei treni, lo sviluppo di nuove tecnologie ferroviarie, il presidio delle attività di traghettamento dei treni, costituiscono i processi e le attività caratteristici sui quali RFI interviene per contribuire in modo significativo al raggiungimento degli obiettivi di lungo periodo:

fare tendere a zero gli incidenti d’esercizio, gli infortuni sul lavoro e l’impatto sull’ambiente, mediante un adeguato approccio metodologico di analisi e gestione dei rischi. In Particolare per la sicurezza della circolazione dei treni e dell’esercizio ferroviario, tale approccio deve consentire il raggiungimento degli obiettivi di sicurezza fissati nel D.Lgs. 162/2007 e s.m.i;  

assicurare il più alto livello di sicurezza per ogni attività che comporti rischi per i dipendenti, compresi quelli relativi alle malattie professionali, i clienti e la collettività;

garantire che la tutela dell’ambiente quale concreta espressione della responsabilità d’impresa, sia un elemento strategico nello sviluppo delle attività, la cui gestione avviene in coerenza con i principi guida della massimizzazione dei vantaggi ambientali, propri del trasporto su ferro e della riduzione al minimo degli impatti negativi sull’ambiente.

RFI, oltre a garantire un contributo al raggiungimento dei predetti obiettivi mediante il miglioramento dell’efficienza del servizio ferroviario favorendo un trasferimento modale verso un sistema di trasporto più sicuro e meno inquinante, adotta nei suoi processi azioni tese a:

consolidare il Sistema di Gestione per tutta l’organizzazione e migliorarne nel tempo le prestazioni, orientandolo sempre più al supporto delle decisioni strategiche attraverso la razionalizzazione dei canali e flussi informativi per la raccolta e l’elaborazione dei dati;

disegnare ed applicare processi organizzativi, di gestione e di sviluppo delle risorse umane, a supporto dell’approccio strategico al fine di individuare e presidiare le competenze caratterizzanti;

agire sulla impostazione e gestione di tutti i processi aziendali, al fine di ridurre i rischi sulla sicurezza della circolazione dei treni e dell'esercizio ferroviario, la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro e la tutela dell’ambiente, prendendo in esame tutto il ciclo di vita dei sistemi; 

contribuire ad aumentare la consapevolezza dei principali stakeholder esterni, promuovendo la comunicazione e la collaborazione con le altre società del Gruppo FSI e con i propri fornitori, in particolare nelle fasi di impostazione e pianificazione di introduzione di nuovi asset e servizi.

Questi impegni trovano attuazione nell’ambito del Piano Annuale Integrato della Sicurezza societario e vengono periodicamente misurati e valutati.