Sicurezza del lavoro

Per tutelare la sicurezza e la salute del proprio personale, RFI è costantemente impegnata nel miglioramento della sicurezza del lavoro e nella riduzione degli infortuni.

operai al lavoro

Per perseguire efficacemente l’obiettivo e gestire in modo controllato i processi e le attività finalizzati a prevenire / minimizzare i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori , RFI ha adottato un proprio Sistema di Gestione della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro conforme alla norma OHSAS 18001-  come certificato sin dal 2006 da ente terzo accreditato  - che costituisce una delle tre componenti del SIGS - Sistema Integrato di Gestione della Sicurezza di RFI, accanto alla sicurezza della circolazione e alla tutela ambientale.

In ogni unità produttiva di RFI è presente un Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) coadiuvato da addetti.  Il RSPP cura l’elaborazione e l’aggiornamento, per il Datore di lavoro (cioè il responsabile dell’Unità Produttiva, tipicamente Direttori centrali e territoriali e responsabili delle Officine Nazionali), del Documento di Valutazione dei Rischi, e quindi provvede - ai sensi del Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 81/2008) - a: individuare i fattori di rischio; individuare ed elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive nonché le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali; proporre i programmi di formazione e informazione; fornire ai lavoratori le informazioni prescritte; partecipare alla "riunione periodica" e altre consultazioni in materia di sicurezza; a svolgere, in generale, tutti i compiti attribuiti dalla legge al Servizio di Prevenzione e Protezione.

Le azioni di miglioramento e mantenimento della sicurezza sul lavoro sono definite sulla base: degli obiettivi indicati nella Politica della Sicurezza RFI; delle prescrizioni legali; degli esiti della valutazione dei rischi; dell’impegno alla prevenzione degli infortuni e delle malattie sul lavoro;  degli impegni assunti nei confronti dei lavoratori e degli stakeholder. Tutte le azioni di miglioramento sono inserite nei Piani annuali della Sicurezza sia a livello territoriale che a livello di sede centrale.

Nella pratica, il Sistema di Gestione è attuato coinvolgendo tutti gli attori aziendali, in primo luogo i lavoratori delle Direzioni Territoriali Produzione - impegnati “sul campo” nelle attività operative di manutenzione dell’infrastruttura e di gestione della circolazione -  e i lavoratori delle Officine Nazionali, impegnati nella manutenzione straordinaria, nelle verifiche e nella riparazione dei mezzi d’opera utilizzati per la manutenzione dell’infrastruttura nonché nella revisione e riparazione di apparecchiature ferroviarie per la trazione elettrica e di impianti di segnalamento così come nella costruzione di apparecchiature di armamento ferroviario. 
 

Progetti per la diffusione della cultura della sicurezza

Per consolidare e diffondere, a tutto il personale, a tutti i livelli, la cultura della prevenzione dei rischi, accanto alle misure attuate in ottemperanza agli obblighi di legge e al Sistema di Gestione interno, la Società ha messo in campo specifici progetti - quali quelli sintetizzati qui sotto - che vedono nel coinvolgimento diretto e nella partecipazione attiva dei lavoratori una leva fondamentale per migliorarne la percezione del rischio, l’adozione di comportamenti sicuri e la capacità di autovalutare le proprie esigenze formative.  Nel complesso, l'impegno per la prevenzione ha portato nel corso degli anni ad una graduale riduzione del numero di infortuni e dell'indice di incidenza, cioè del nr di infortuni per 1000 dipendenti.

Safety Academy -
E' una comunità aziendale di interesse e di pratica per la sicurezza, la salute e il benessere organizzativo. La Safety Academy considera il patrimonio di consapevolezza dei lavoratori e del management come fattore chiave per la riduzione del fenomeno infortunistico. A questo fine, i partecipanti - responsabili e operatori - si incontrano periodicamente per ideare e diffondere metodi, strumenti e azioni innovative integrate sviluppando iniziative specifiche. Tra queste il progetto "Raccontare può salvare” che, a partire dall'esperienza dei singoli, favorisce il ritorno di esperienza e l'affermarsi di buone pratiche.

Focus Infortuni - Avviato in via sperimentale, il progetto consiste nella realizzazione di specifici strumenti divulgativi - disponibili via web - da utilizzare - in base alle specifiche esigenze - durante la formazione professionale per migliorare la qualità della percezione del rischio da parte dei lavoratori. Il metodo prevede l’utilizzo di casi di studio basati su eventi reali rappresentati da filmati di animazione e da altri strumenti comunicativi (slides, disegni, etc.) in abbinamento a specifici test di verifica di apprendimento in grado anche di valutare il possibile comportamento dei discenti in analoghe situazioni.

SMARFI:Sicurezza Manutenzione in RFI - Premiato nel 2009 dall'Agenzia Europea per la sicurezza e salute sul lavoro, SMARFI è un prodotto multimediale interattivo messo a disposizione degli operatori della manutenzione sulla rete intranet aziendale per la formazione in materia di sicurezza del lavoro. Attraverso filmati dedicati vengono descritte le diverse attività operative ed evidenziati per ciascuna i punti di maggiore attenzione per la prevenzione dei rischi nonché i potenziali incidenti.