FS NEWS >

CTC, SCC e ACCM per il telecomando/comando remoto della circolazione

L'avanzato Sistema di comando e controllo (SCC) così il suo più tradizionale precursore, Centralized Traffic Control (CTC) consente il telecomando e la regolazione a distanza della circolazione su linee e stazioni da postazioni centrali (Posti Centrali- PC), ciascuna con giurisdirizone sulle singole direttrici e/o nodi della retedi maggior traffico con maggiori esigenze di capacità e puntualità. Il sistema Apparato Centrale Computerizzato Multistazione (ACCM), che rappresenta l'evoluzione tecnologica degli Apparati Centrali, controlla contemporaneamente più impianti di stazione e le relative tratte di blocco.

I sistemi consentono agli operatori di supervisionare in tempo reale la posizione dei treni lungo la rete e all’interno degli impianti ferroviari.

Al 30 giugno 2017 il sistema CTC è attivo su 8.095 km , il sistema SCC su 3.737 km, e il sitema ACCM su 784 km .




  



 ●  Il Sistema di comando e controllo (SCC), in adozione sulle direttrici fondamentali e sui principali nodi ferroviari metropolitani, insieme alla sua evoluzione per le linee Alta Velocità (SCC-AV), è il più avanzato sistema di gestione integrata a distanza della circolazione in uso in campo ferroviario.

Sviluppato per migliorare e garantire la regolarità dei treni nell’ambito del processo di upgrade della qualità dei servizi, consente di gestire insieme alla circolazione anche la diagnostica, la manutenzione, le informazione al pubblico e la videosorveglianza nonché di semplificare le procedure di gestione e ottenere la massima tempestività ed efficacia nella risoluzione dei problemi di circolazione anche su linee ad intenso traffico. Per mezzo di una logica computerizzata, il SCC invia comandi e riceve controlli in sicurezza da strumenti elettromeccanici (scambi, segnali, etc…) ed apparati (PC di posti periferici). L’architettura tecnologica e funzionale del sistema è articolata in sale di controllo presenziate, dove sono concentrate le tecnologie e l’organizzazione, e posti periferici solitamente impresenziati (stazioni, posti di comunicazione, posti di movimento, etc) che garantiscono il colloquio tra il posto di comando e le linee gestite.

●  Il sistema Centralized Traffic Control (CTC), capostipite dei sistemi di comando a distanza della circolazione, è utilizzato prevalentemente su linee regionali e interregionali e consente di realizzare da un Posto Centrale il telecomando e la supervisione di un elevato numero di stazioni e fermate non presenziate.

●  Il sistema Apparato Centrale Computerizzato Multistazione (ACCM).

Alcune linee, a scarso traffico, sono invece attrezzate con il sistema Controllo Centralizzato Linee (CCL), che, a differenza dei sistemi SCC e CTC, non consente il telecomando della circolazione ma garantisce alcune funzioni di supervisione e di gestione quali la successione dei treni,  il monitoraggio e la supervisione della posizione istante per istante. Insieme al CTC anche il CCL è integrato con sistemi specializzati  funzionali alla gestione dell'informazione al pubblico sulla marcia dei treni sviluppati nell’ambito dell’ Information & Communication Technology.