Per favorire la mobilità e la fruizione dei servizi di stazione da parte di tutti i viaggiatori, RFI è impegnata nella progressiva eliminazione delle barriere architettoniche, senso-percettive e comunicative nelle stazioni e dal 2011, con l’acquisizione del ruolo di Station Manager in applicazione del Regolamento CE 1371/2007 sui diritti e gli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario, offre servizi di assistenza in un circuito di oltre 300 stazioni e ha rinforzato il suo impegno per un’informazione accessibile al più ampio numero di passeggeri tutti.

Punti di riferimento per l’organizzazione dei servizi di assistenza in stazione offerti da RFI ai viaggiatori con disabilità e a ridotta mobilità sono le 14 Sale Blu, apposite strutture aperte tutti i giorni, festivi inclusi, dalle ore 6:45 alle 21:30 e ubicate presso le principali stazioni di Torino, Milano, Verona, Venezia, Trieste, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Ancona, Napoli, Bari, Reggio Calabria e Messina. 

Destinatari dei servizi, forniti tutti i giorni, festivi inclusi, 24 ore su 24, sono i viaggiatori che per disabilità, temporanea o permanente, vedano compromessa la loro mobilità (tutte le info su www.rf.it > Accessibilità stazioni).

Per garantire la mobilità di questi stessi viaggiatori, all’attenzione di sempre nel superamento degli ostacoli fisici sui percorsi di accesso ai treni, RFI ha varato un piano specifico per migliorare l’accessibilità degli spazi aperti al pubblico, sistematizzato e armonizzato con altre specifiche iniziative di miglioramento dei servizi di stazione nell’ambito del progetto Easy Station che interessa le oltre 600 stazioni più frequentate della rete, con priorità quelle delle aree metropolitane con servizi di trasporto pubblico locale .

E a supporto del diritto alla mobilità, RFI è impegnata anche nell’abbattimento degli ostacoli alla comunicazione, meno materiali ma ugualmente critici. In questa prospettiva nel 2020 il sito internet www.rfi.it verrà completamente rinnovato mantenendo la conformità agli standard di accessibilità del web dettati dalla L. 4/2004 (‘legge Stanca’) s.m.i. Verranno inoltre arricchite e rese più fruibili le informazioni on line relative ai servizi e alle dotazioni di accessibilità delle singole stazioni della rete, utili anche per mettere in grado i viaggiatori di programmare al meglio il proprio viaggio. Nelle pagine dedicate a ciascuna stazione sarà anche possibile consultare i Quadri Orario on line che integrano l’orario programmato dei treni con informazioni sulla disponibilità dei servizi di assistenza nelle stazioni lungo il percorso, così come i monitor Arrivi e Partenze live. In parallelo continuerà l’offerta di nuovi servizi su https://salabluonline.rfi.it, in linea dal  2018, «Sala Blu on line» per la prenotazione via web dei servizi di assistenza in stazione

Il nostro impegno

L’impegno di RFI nell’offerta di servizi di assistenza ai viaggiatori con disabilità e a ridotta mobilità a garanzia del diritto di tutti all’accesso ai servizi ferroviari, è presentato nella Carta dei Servizi attraverso indicatori riferiti sia alla soddisfazione espressa dai viaggiatori che ne hanno usufruito sia ad azioni aziendali programmate per migliorali ed estenderli. Grazie ad esse ad oggi sono coinvolte nel circuito di assistenza (circuito ‘Sale Blu’) oltre 320 stazioni diffuse su tutto il territorio nazionale e individuate in base alle caratteristiche di accessibilità, al tipo di treni che in esse fanno fermata (se cioè i treni sono attrezzati ad accogliere le PRM su sedia a ruote) e all’effettiva domanda nel bacino di utenza.

Arrivati nel 2019 a quasi 410.000 (+ 13 % rispetto al 2018)  proseguendo nel trend di crescita registrato negli anni precedenti, i servizi erogati, per mantenersi sugli alti livelli qualitativi già acquisiti, richiedono un crescente impegno sia sotto il profilo gestionale che strumentale e professionale. I livelli di soddisfazione dei viaggiatori che ne hanno usufruito hanno confermato anche per il 2019 l’eccellenza dei servizi forniti e l’efficacia delle  misure adottate, tra cui, come da impegni dichiarati nella Carta dei Servizi, l’aumento del numero di stazioni del circuito dotate di carrelli elevatori per la salita a bordo treno di persone su sedia a ruote (necessari nei casi in cui non vi sia allineamento alla stessa quota del marciapiede di binario e del predellino del treno) e  l’attivazione su https://salabluonline.rfi.it di un canale chat  di richiesta dei servizi di assistenza per le persone con disabilità uditiva con gli stessi standard delle prenotazioni via telefono.

Per il 2020 la Società si impegna ad estendere ulteriormente il numero di stazioni del circuito di assistenza, nonché ad attivare una «Sala Blu Nazionale», una struttura a supporto delle Sale Blu territoriali, dedicata in particolare all’attività telefonica di contatto con i viaggiatori che richiedono di fruire dei servizi di assistenza 

Indicatore Parametro Obiettivo 2020

Livello di soddisfazione complessiva del servizio di assistenza erogato nel circuito SALE BLU


% di persone soddisfatte


90%



Estensione del circuito di assistenza PRM 

nr stazioni*


almeno 10



Attivazione della Sala Blu Nazionale, per il miglioramento continuo dei rapporto via telefono con i viaggiatori che richiedono i servizi Sale Blu

impegno*


attuazione

*monitoraggio interno/di terzi

Per dar conto dell’altro importante fronte di azione della Società a garanzia del diritto di tutti all’accesso ai servizi ferroviari,  accanto agli indicatori relativi ai servizi di assistenza in stazione offerti da RFI, sono inseriti nella Carta dei Servizi anche indicatori, e obiettivi, correlati all’impegno societario di sviluppare interventi orientati a rimuovere le barriere che limitano l’accessibilità così da consentire alle persone a ridotta mobilità di viaggiare quanto più possibile in autonomia

Anche per il 2020 è confermato l’impegno ad estendere ulteriormente gli interventi mirati ad assicurare nelle stazioni le migliori condizioni di accesso ai treni prescritte a livello sovranazionale  per gli impianti di nuova costruzione e per quelli oggetto di totale rinnovamento dapprima con la Decisione 2008/164/CE  e quindi dai Regolamenti  sulle Specifiche Tecniche per l’Interoperabilità (STI) del sistema ferroviario UE relative sia all’accessibilità per le persone con disabilità e a ridotta mobilità (1300/2014/UE)  sia al sottosistema «infrastruttura» (Reg 1299/2014/UE). 

L’indicatore prende in considerazione sia gli interventi di innalzamento delle banchine all’altezza standard di 55 cm sia  altre tipologie di intervento quali ascensori, scale mobili, ecc.  L’obiettivo 2020, perseguito nell’ambito del più complessivo progetto Easy Station (è di realizzare almeno 100 interventi per il miglioramento dell’accessibilità nelle stazioni.

Indicatore Parametro Obiettivo 2020

Realizzazione interventi per il miglioramento dell’accessibilità nelle stazioni (banchine h 55, ascensori, ecc)

nr interventi *


almeno 100

*monitoraggio interno/di terzi