Stiamo lavorando per un Trentino Alto Adige più connesso

I piani di sviluppo del trasporto ferroviario coerentemente con gli Accordi Quadro stipulati con le due Province Autonome, prevedono interventi di potenziamento della rete ferroviaria in grado di incrementare il traffico ferroviario e offrire nuovi servizi, con benefici in termini di capacità, velocizzazione e tempi di viaggio.

Tra i principali interventi programmati la Variante di Val di Riga, la realizzazione della Galleria del Virgolo e il potenziamento del collegamento tra Bolzano e Trento che garantirà la frequenza di un treno ogni 15 minuti nelle ore di punta. Previste, inoltre, le nuove fermate di Calliano in provincia di Trento, di Varna tra Brennero e Bolzano, di Naz-Sciaves tra Bressanone e Rio di Pusteria nel nuovo tratto della Variante di Riga. 

Di seguito una sintesi di ciascuno dei nostri progetti nella regione descritti nel dettaglio nel Piano Commerciale

La nuova fermata di Calliano, tra Trento e Rovereto, costituisce un polo attrattivo che consentirà di creare un nuovo punto di accesso al fondovalle a servizio dell’area turistica dell’Altopiano di Folgaria e di migliorare la mobilità pendolare tra l’altopiano e Rovereto/Trento. Saranno ottimizzati i tempi di spostamento scolastici e lavorativi e sarà integrata l’offerta cicloturistica di fondovalle con quella in quota.

Il progetto prevede in una prima fase l’attivazione della fermata con la realizzazione di marciapiedi, sottopasso e pensiline, e in una seconda fase gli interventi di riqualificazione del fabbricato viaggiatori e delle aree esterne.

Benefici commerciali: | accessibilità alla rete (istituzione di una nuova fermata per migliorare il collegamento tra l’area circostante e Trento/Rovereto) | accessibilità PRM | gestione degli spazi di stazione (realizzazione nuovi marciapiedi a servizio dei viaggiatori nelle nuove fermate ferroviarie) |

Il progetto prevede:

  • la realizzazione di una nuova bretella di collegamento tra le linee Verona - Brennero e Fortezza - San Candido per connettere direttamente verso sud la linea della Pusteria con quella del Brennero tra le stazioni di Bressanone e Rio di Pusteria. In corrispondenza dell’innesto verrà realizzata la fermata di Naz-Sciaves;
  • la sistemazione a Piano Regolatore Generale (PRG) di Bressanone che permette l’interscambio dei passeggeri per i treni della linea Pusteria e della linea del Brennero con salita e discesa sullo stesso marciapiede di stazione, riducendo i tempi di interscambio;
  • lo spostamento della fermata di Varna (attualmente dismessa) e adeguamento della stessa agli standard RFI.

La prima fase prevede la realizzazione del Piano Regolatore Generale (PRG) di Bressanone e della bretella di collegamento tra le linee comprensiva del Posto Movimento di Sciaves, necessaria per la gestione dei flussi.

Il completamento si avrà con la realizzazione della fermata di Varna e della fermata di Sciaves sulla Fortezza San Candido.

Per maggiori informazioni >> Opere Strategiche - Variante di Riga

Benefici commerciali: | velocità | regolarità | gestione degli spazi di stazione |

L’investimento previsto, anche in previsione delle Olimpiadi Invernali 2026, completa il programma di elettrificazione delle linee in Provincia di Trento in continuità con gli interventi di potenziamento già realizzati sulla linea della Valsugana.

Gli interventi consistono nella realizzazione del sistema di trazione elettrica che comprende sia la linea di contatto sia le sottostazioni elettriche, con contestuale adeguamento delle opere civili (incluse le gallerie).

Contestualmente all’elettrificazione sono previsti interventi per l'adeguamento di alcuni sistemi tecnologici, tra cui la realizzazione del SCMT sull’intera linea (già attivato da Trento a Grigno).

Benefici commerciali: | regolarità | sostenibilità (riduzione dell’inquinamento ambientale e di emissioni) | integrazione della rete (l’elettrificazione consente di integrare le relazioni tra diverse linee senza rottura di Carico) |

Il progetto della Galleria del Virgolo consiste nella realizzazione di un tunnel a tre binari sulla linea Trento-Bolzano e dell'entrata dedicata per la linea Meranese nella stazione di Bolzano.

L’intervento, che ha uno sviluppo complessivo di circa 1.200 metri, si sviluppa in parte in variante con una galleria di circa 500 metri e in parte allo scoperto per lo più in affiancamento al binario esistente e prevede lo spostamento del Bivio della linea Meranese a sud dell’attuale posizione.

L’intervento mette in sicurezza il tratto in questione spostando i binari nella nuova galleria.

La realizzazione dell’Apparato Centrale Computerizzato di stazione, prevista per il 2025, è l'opera propedeutica (fase 1) al Piano Regolatore Generale (PRG) in stazione di Bolzano, per consentire l’ingresso dei binari in uscita dalla galleria.

Benefici commerciali: | capacità | regolarità | upgrade e sicurezza (messa in sicurezza del tratto da caduta massi) |

L’intervento per l’accesso al Brennero è finalizzato al potenziamento del Core Corridor europeo TEN-T Scandinavo-Mediterraneo, di collegamento tra Helsinki e La Valletta e consiste nella realizzazione di ulteriori lotti prioritari per il potenziamento della linea Fortezza-Verona di accesso da sud al nuovo tunnel di base del Brennero. Obiettivo dell’intervento è la realizzazione del quadruplicamento della tratta con shunt del centro abitato di Trento per il transito dei treni merci.

La circonvallazione di Trento, lunga circa 12 km a doppia canna ha origine in località Roncafort (nei pressi dell’interporto di Trento) e procede in stretto affiancamento alla linea storica per circa 2,5 km, per poi portarsi in prossimità della sede dell’ex Scalo Filzi, da cui ha origine la galleria di Trento, che termina presso la località Acquaviva.

La Circonvallazione ferroviaria di Trento è la prima opera finanziata dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) su cui è stato avviato il procedimento di Dibattito Pubblico. >> Per approfondire

Per maggiori informazioni >> Opere Strategiche - Brennero e Fortezza-Verona

Benefici commerciali: | capacità |

L'intervento riguarda più regioni ed è funzionale non solo ai collegamenti del trasporto pubblico locale ma anche ai servizi di lungo percorso. 

Per conoscere l'intervento nel complesso vai alla pagina dedicata

Il progetto prevede:

  • la realizzazione di una nuova bretella di collegamento tra le linee Verona - Brennero e Fortezza - San Candido per connettere direttamente verso sud la linea della Pusteria con quella del Brennero tra le stazioni di Bressanone e Rio di Pusteria. In corrispondenza dell’innesto verrà realizzata la fermata di Naz-Sciaves;
  • la sistemazione a Piano Regolatore Generale (PRG) di Bressanone che permette l’interscambio dei passeggeri per i treni della linea Pusteria e della linea del Brennero con salita e discesa sullo stesso marciapiede di stazione, riducendo i tempi di interscambio;
  • lo spostamento della fermata di Varna (attualmente dismessa) e adeguamento della stessa agli standard RFI.

La prima fase prevede la realizzazione del Piano Regolatore Generale (PRG) di Bressanone e della bretella di collegamento tra le linee comprensiva del Posto Movimento di Sciaves, necessaria per la gestione dei flussi.

Il completamento si avrà con la realizzazione della fermata di Varna e della fermata di Sciaves sulla Fortezza San Candido.

Per maggiori informazioni >> Opere Strategiche - Variante di Riga

Benefici commerciali: | velocità | regolarità | gestione degli spazi di stazione |

Il progetto della Galleria del Virgolo consiste nella realizzazione di un tunnel a tre binari sulla linea Trento-Bolzano e dell'entrata dedicata per la linea Meranese nella stazione di Bolzano.

L’intervento, che ha uno sviluppo complessivo di circa 1.200 metri, si sviluppa in parte in variante con una galleria di circa 500 metri e in parte allo scoperto per lo più in affiancamento al binario esistente e prevede lo spostamento del Bivio della linea Meranese a sud dell’attuale posizione.

L’intervento mette in sicurezza il tratto in questione spostando i binari nella nuova galleria.

La realizzazione dell’Apparato Centrale Computerizzato di stazione, prevista per il 2025, è l'opera propedeutica (fase 1) al Piano Regolatore Generale (PRG) in stazione di Bolzano, per consentire l’ingresso dei binari in uscita dalla galleria.

Benefici commerciali: | capacità | regolarità | upgrade e sicurezza (messa in sicurezza del tratto da caduta massi) |

L'intervento riguarda più regioni ed è funzionale non solo ai collegamenti del trasporto pubblico locale ma anche ai servizi di lungo percorso. 

Per conoscere l'intervento nel complesso vai alla pagina dedicata

L'intervento riguarda più regioni ed è funzionale non solo ai collegamenti del trasporto pubblico locale ma anche ai servizi di lungo percorso. 

Per conoscere l'intervento nel complesso vai alla pagina dedicata