Il Dibattito Pubblico per il lotto 1a Battipaglia-Romagnano – parte integrante del progetto di realizzazione della nuova linea AV Salerno-Reggio Calabria e inserito all’interno del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) – è stato indetto il 12 gennaio 2022 e si è concluso il 6 maggio 2022 con la presentazione della Relazione finale da parte del Coordinatore del Dibattito Pubblico.
Il Dibattito Pubblico per il raddoppio Cosenza-Paola/S. Lucido è stato indetto il 2 febbraio 2022 ed è stato sospeso a marzo 2022 per approfondimenti tecnici richiesti sul Progetto di Fattibilità Tecnico-Economica (PFTE) inviato al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.

L'opera

La nuova linea Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria costituisce un itinerario strategico passeggeri e merci per la connessione tra il sud e il nord della penisola, asse principale del Paese.

Il nuovo collegamento consentirà di incrementare i livelli di accessibilità alla rete AV per diverse zone ad elevata valenza territoriale quali il Cilento e il Vallo di Diano, la costa Jonica, l’alto e il basso Cosentino, l’area del Porto di Gioia Tauro e il Reggino, oltre che velocizzare anche collegamenti verso Potenza, verso la Sicilia, verso i territori della Calabria sul Mar Jonio e verso Cosenza e, allo stesso tempo, contribuirà in maniera significativa al potenziamento dell’itinerario merci Gioia Tauro-Paola-Bari (corridoio Adriatico). 

Il lotto 1a Battipaglia-Romagnano è il primo intervento – nell’ambito della nuova linea AV Salerno-Reggio Calabria – progettato ed avviato ad iter autorizzativo e Dibattito Pubblico. Per la realizzazione dell'opera, oltre al lotto 1a, nello scenario prioritario è previsto il completamento della realizzazione del lotto 1 che da Romagnano si riconnette con la linea tirrenica, il lotto 2 che prosegue verso sud, e il raddoppio Cosenza-Paola/S. Lucido (nuova galleria Santomarco). A completamento della relazione Salerno-Reggio Calabria è prevista la progettazione di altri lotti.

L'investimento complessivo per la realizzazione dello scenario prioritario della nuova linea AV Salerno-Reggio Calabria è di 11,2 miliardi di euro. L'intervento del lotto 1a Battipaglia-Romagnano, finanziato con i fondi del PNRR, ha un investimento di 1,8 miliardi di euro e l’interconnessione con la linea esistente Battipaglia-Potenza di 125 milioni di euro. La conclusione dei lavori del lotto 1a e dell'interconnessione è prevista per il 2026 in linea con gli obiettivi del PNRR.

Il lotto 1a Battipaglia-Romagnano rappresenta un primo e significativo tassello di uno scenario più ampio che vede la realizzazione di un sistema infrastrutturale moderno e sostenibile, in grado di rispondere alle esigenze di mobilità di un ampio bacino interregionale, sanando anche la cronica carenza di linee ferroviarie nei territori interessati.

La rilevanza strategica del progetto è dettata in primo luogo dal suo posizionamento geografico all’interno dello scenario infrastrutturale futuro previsto per il Mezzogiorno d’Italia, in quanto rappresenta il punto di integrazione, snodo e collegamento fondamentale per il miglioramento delle relazioni trasportistiche su due direttrici meridionali, la Salerno-Reggio Calabria, e la Battipaglia-Potenza-Metaponto-Taranto, attraverso l’interconnessione all’altezza di Romagnano alla futura linea AV della linea esistente Potenza-Metaponto.

L’area interessata dall’intervento è la provincia di Salerno. Più in particolare, il tracciato ferroviario si sviluppa dalla stazione di Battipaglia attraversando i comuni di Battipaglia, Eboli, Campagna, Contursi Terme, Sicignano degli Alburni e Buccino per circa 35 km, per terminare con l'innesto sulla linea convenzionale Battipaglia-Potenza. 

In particolare, le opere principali previste dall’intervento sono 17 viadotti, per una lunghezza totale pari a circa 6 km; 9 gallerie naturali, per una lunghezza totale pari a circa 13 km di cui 9 sulla nuova linea AV Salerno-Reggio Calabria e 2 di interconnessione per Potenza; 8 gallerie artificiali per una lunghezza totale pari a circa 4 km.

In seguito all’analisi della situazione attuale e alla valutazione dei livelli acustici successivi alla realizzazione del progetto, sono stati individuati provvedimenti per contenere l’impatto acustico, attraverso l’installazione di barriere antirumore per un totale di circa 17 km.

La realizzazione della nuova linea AV Salerno-Reggio Calabria consentirà un aumento delle prestazioni con un incremento della velocità fino a circa 300 km/h.

In particolare, con l'attivazione del lotto 1 si avrà un risparmio dei tempi di percorrenza: ● fino a 20 minuti sulla relazione Roma-Potenza (ottenibili già con l’attivazione del lotto 1a); ● fino a 30 minuti sulla relazione Roma-Reggio Calabria (ottenibili con il completamento del lotto 1).

Inoltre, l'attuazione del programma di interventi AV rappresenta un’opportunità concreta di valorizzazione del territorio. Diversi sono i benefici, sia diretti che indiretti, attesi dalla realizzazione delle opere. In particolare sono previsti: 

  • benefici correlati ad una maggior connessione e coesione territoriale, grazie ad un efficientamento e modernizzazione del sistema infrastrutturale meridionale e a un miglioramento dei collegamenti tra le regioni del sud Italia, con vantaggi per il trasporto merci e passeggeri;
  • benefici in termini di migliore qualità della vita, per effetto di un trasporto ferroviario più competitivo e per la conseguente redistribuzione del traffico stradale verso modalità di trasporto di viaggiatori e merci più sostenibili con vantaggi per la sicurezza della collettività e per l’ambiente;  
  • benefici socio-economici, connessi alla fase di esercizio dell’infrastruttura, in termini di incremento della fruibilità del territorio con vantaggi per l’economia locale, e alla fase di costruzione dell’opera, in termini di valore aggiunto e posti di lavoro sostenuti dall’attivazione della catena di fornitura del progetto infrastrutturale.
Il Dibattito Pubblico per il lotto 1a in numeri
13
Incontri

7 da remoto 6 in presenza

50
Quaderni degli attori
300
Partecipanti