A A A

RFI su circa 16.000 Km di linee ferroviarie si trova a gestire una elevata numerosità di Opere d’arte come Ponti, Viadotti, Sottovia e Gallerie. Per tale motivo in questi anni, utilizzando un paradigma medico, abbiamo cercato di migliorare il processo di diagnostica sulle Opere d’arte che ci permetta, partendo da una fase di Anamnesi dell’opera giungere ad un giudizio di prognosi definendo meglio la cura per il ripristino e la completa rifunzionalizzazione dell’opera esaminata. Attraverso strumenti di Bridge Management System (BMS) è possibile gestire tutte le informazioni necessarie per programmare la manutenzione e il controllo del patrimonio delle Opere d’arte, tenendo conto dei fattori strutturali, operativi ed economici. RFI ha pertanto sviluppato un BMS proprietario denominato DOMUS che consente, attraverso una navigazione 3D delle diverse componenti dell’opera, la registrazione puntuale delle eventuali difettosità presenti classificate secondo un catalogo difetti di RFI. Questo rappresenta un supporto agli ispettori incaricati delle visite.  

Il processo diagnostico basato sull’utilizzo di ispezione visive è integrato all’occorrenza da rilievi e indagini strumentali e dall’utilizzo di tecnologie innovative (droni, sistemi di monitoraggio, etc.).

Infine, le analisi portano ad una valutazione complessiva di priorità con lo sviluppo di progetti di intervento atti ad eliminare le eventuali problematiche riscontrate.  

In questa ottica sono stati portati avanti progetti specifici per le gallerie ferroviarie che attraverso tecniche di laser scanning e specifici algoritmi ottimizzano il processo di ispezione. Per tenere conto dell’ambiente confinato tipico delle gallerie, sin dalla fine degli anni 90, con le Linee Guide emanate d’intesa con il CNVVF,  sono state individuate specifiche misure da adottare. Negli anni la normativa si è parecchio evoluta e partendo dal DM del 28/10/2005 fino ad arrivare al Regolamento UE 1303/2014 passando dal DL 1 del 24/01/2012 che imponeva una armonizzazione tra le norme nazionali ed Europee. Attualmente a seguito di una dettagliata analisi di rischio, RFI prosegue negli interventi di adeguamento e progettazione di alcune gallerie esistenti prima dell’entrata in vigore del DM 2005. Infine si sta predisponendo tutta la serie di piani per l’adeguamento delle gallerie di recente costruzione seguendo i dettami delle norme armonizzate con la legislazione europea.