A A A

Il settore ferroviario sta cambiando rapidamente sul piano normativo, gestionale, tecnologico. Per questo abbiamo scelto di investire nel miglioramento continuo di tutti i sistemi informativi e comunicativi funzionali alle nostre attività.

 

 

Prime tra tutte le tecnologie I&C di supporto alla gestione dei processi di manutenzione della rete e di circolazione in sicurezza dei treni, fino a quelle di supporto alla gestione del rapporto commerciale con le Imprese Ferroviarie che circolano  sulla rete RFI così come, ad esempio, al monitoraggio dell'incidentalità sulla rete, alla gestione degli investimenti per lo sviluppo dell'infrastruttura, al controllo del territorio sotto il profilo metereologico, sismico e idrogeologico, all'acquisto di materiali, alla gestione dei rifiuti  e molto altro ancora.  

Integrati in un unico ambiente web, i sistemi informativi RFI sono accessibili secondo modalità differenziate e in base a specifici profili di accesso agli operatori aziendali così come agli interlocutori esterni all’azienda, in funzione delle autorizzazioni definite per ciascun utente, tramite il nuovo PORTALE APPLICAZIONI RFI.

INRete

Il sistema INRete è centrale nel supporto alla gestione delle attività di manutenzione della rete ferroviaria. Strutturato per moduli integrati secondo le logiche ERP (enterprise resources planning),  il sistema censisce tutto l'asset ferroviario oggetto di manutenzione e, con il suo modulo INRete Manutenzione, consente la verifica dei prerequisiti di tutte le risorse interne ed esterne coinvolte nel processo manutentivo (personale, automezzi, materiali, servizi, ditte appaltatrici), la gestione degli avvisi provenienti dai sistemi di diagnostica sullo stato delle linee, il supporto alla pianificazione, esecuzione e rendicontazione dei diversi tipi di attività (manutenzione ciclica, on condition, preventiva).

Con moduli dedicati, INRete supporta inoltre la gestione informatizzata di processi aziendali tra cui quelli amministrativo-contabili e di controllo di gestione, acquisti e vendite, tesoreria, gestione patrimoniale dell’asset ferroviario, sicurezza sul lavoro, gestione tecnico-economica e finanziaria degli investimenti infrastrutturali.

La piattaforma di manutenzione di RFI si completa con i sistemi cartografici (sistema meteo e geologia), con i sistemi di business intelligence (per la gestione della pianificazione e l’analisi dei dati) e con i sistemi mobile SIME.

SIME

Il SIME (Sistema Manutenzione Evoluto) raccoglie e integra con IN.Rete Manutenzione le applicazioni utilizzate durante la fase di programmazione ed esecuzione sul campo degli interventi manutentivi gestite mediante dispositivo mobile dagli addetti.

Tra queste l’applicazione per la gestione delle squadre di lavoro e l’assegnazione su base oraria delle attività e degli incarichi, l’applicazione per le rilevazioni durante la visita linea, l’applicazione per le visite alle opere d’arte.

La Piattaforma Integrata Circolazione (PIC) è la base informativa unitaria, certificata in qualità e sicurezza informatica, di riferimento per tutte le attività legate alla circolazione ferroviaria.

Realizzata per garantire la massima integrazione tra i sistemi di gestione delle informazioni, di monitoraggio e controllo delle varie componenti del processo della circolazione e tra i sistemi informativi a supporto degli altri processi produttivi (gestione commerciale, manutenzione e sviluppo dell’infrastruttura), PIC si caratterizza per la sua architettura orientata ai servizi e per la sua modularità e scalabilità, indispensabili per la piena funzionalità del sistema.

PIC è  implementata per gradi, e cioè lo sviluppo avviene tramite il rilascio di insiemi di applicazioni di immediato uso per l’utente finale. Per questo, la modularità consente a PIC di perseguire la crescita continua delle funzionalità in quantità e qualità fino alla completa copertura dei processi di circolazione e alla loro integrazione con quelli dei clienti interni ed esterni.

La scalabilità, invece, consente a PIC di gestire la circolazione e le informazioni a essa connesse sia a livello locale, per la parte di competenza del singolo territorio, sia a livello centrale, per il necessario coordinamento operato attraverso la Sala Operativa.

PIC assicura:

  • i servizi di supporto a processi specifici, tra cui i servizi di gestione operativa (PIC-GO); di gestione rete nazionale e cruscotti direzionali ad uso della Sala Operativa (PIC-DG); di programmazione (PIC-PR); di analisi della produzione (PIC SC/SA); di gestione dei dati di base (PIC-MI); di pianificazione utilizzo binari, manovre e regolazione in Impianto (PIC-PUB);
  • i servizi per le Imprese Ferroviarie che utilizzano la nostra rete, tra cui quelli di interfacciamento - per la  richiesta di tracce e manovre, la fornitura di informazioni di circolazione, l'acquisizione di dati di composizione treni, ecc (PIC-IF) e quelli di consultazione delle informazioni programmate e storiche nonché di monitoraggio in tempo reale della circolazione (PIC-INFO);
  • i servizi di interfaccia verso i sistemi di informazioni al pubblico (PIC-IaP) che trasferiscono a questi ultimi i dati su posizione, ritardo e riprogrammazione dei treni per la successiva diffusione delle informazioni al pubblico nelle stazioni.

ICT per i viaggiatori

La Piattaforma Integrata Circolazione (PIC) costituisce la base informativa unitaria, certificata in qualità e sicurezza informatica, di riferimento per tutte le attività legate alla circolazione ferroviaria, accessibile a tutti coloro che ne abbiano necessità in modo adeguato alla loro posizione nel processo produttivo.

Realizzata per garantire la massima integrazione tra i sistemi di gestione delle informazioni, di monitoraggio e controllo delle varie componenti del processo della circolazione e tra i sistemi informativi a supporto degli altri processi produttivi (gestione commerciale, manutenzione e sviluppo dell’infrastruttura, ecc.), PIC si caratterizza per la sua architettura orientata ai servizi e per la sua modularità e scalabilità, entrambi indispensabili per la piena funzionalità del sistema a supporto dei processi.

PIC è stata, e continua ad essere, implementata per gradi, seguendo una continuità di sviluppo caratterizzata dal rilascio di insiemi di applicazioni di immediato uso per l’utente finale. In questo senso la modularità è la caratteristica che consente a PIC di perseguire la crescita continua delle funzionalità in quantità e qualità fino alla completa copertura dei processi di circolazione e alla loro integrazione con quelli dei clienti interni ed esterni. La scalabilità è invece la caratteristica di PIC che consente di gestire la circolazione e tutte le informazioni ad essa connesse sia a livello locale, per la parte di competenza del singolo territorio, sia a livello centrale, per il necessario coordinamento operato attraverso la Sala Operativa, garantendo comunque sempre la coerenza e la completezza informativa a copertura dei processi di circolazione dalla pianificazione al monitoraggio, fino al consuntivo.

Tra i servizi assicurati da PIC:

- i servizi di supporto a processi specifici, tra cui i servizi di gestione operativa (PIC-GO); di gestione rete nazionale e cruscotti direzionali ad uso della Sala Operativa (PIC-DG); di programmazione (PIC-PR);  di analisi della produzione (PIC SC/SA); di gestione dei dati di base (PIC-MI);  di pianificazione utilizzo binari, manovre e regolazione in Impianto (PIC-PUB).

i servizi per le Imprese Ferroviarie che utilizzano la rete RFI, tra cui quelli di interfacciamento - per la  richiesta di tracce e manovre, la fornitura di informazioni di circolazione, l'acquisizione di dati di composizione treni, ecc (PIC-IF) e quelli di consultazione delle informazioni programmate e storiche nonché di monitoraggio in tempo reale della circolazione (PIC-INFO);

i servizi di interfaccia verso i sistemi di informazioni al pubblico (PIC-IaP e PIC-IeC) che trasferiscono a questi ultimi i dati su posizione, ritardo e riprogrammazione dei treni per la successiva diffusione delle informazioni al pubblico nelle stazioni.

 

Per assicurare trasparenza e obiettività a tutte le nostre strutture, alle Imprese Ferroviarie e agli stakeholder ci siamo dotati di un Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni (SiGSI) che ci permette di garantire la continuità gestionale e la sicurezza dei dati di circolazione dei treni, alla base della determinazione del pedaggio per l’utilizzo dell’infrastruttura dovuto dalle Imprese Ferroviarie per la rendicontazione economica delle tracce orario assegnate.

Il SiGSI è stato avviato nel 2002 ai sensi dello standard BS 7799 e aggiornato nel 2007 ai sensi dello standard internazionale ISO 27001:2005. Oggi è certificato ai sensi dell’ISO 27001:2014, “Tecniche per la Sicurezza-Sistemi di Gestione della Sicurezza delle Informazioni”. L’iter certificativo di rinnovo e mantenimento del SiGSI, precedentemente seguito dagli enti di certificazione TÜV Italia e DNV, e stato quindi curato dall'ente accreditato “DASA Rägister” S.p.A., selezionato con gara europea.

In linea con le Direttive Europee in materia di ripartizione della capacità di infrastruttura ferroviaria,   riscossione dei diritti dovuti per l’utilizzo dell’infrastruttura, regime di accesso alle Reti nazionali dei vari Paesi membri - recepite in Italia dal D.Lgs. 188/2003, dal DM n. 28/T del 05 agosto 2005 e, recentemente, dal D.Lgs. 112/2015 -  RFI, in forza dell’Atto di Concessione rilasciato dal MIT con DM n. 138T/2000, applica il DM n. 43T/2000 per la determinazione dei criteri del canone di utilizzo dell’infrastruttura ferroviaria. Il processo della “Rendicontazione” avviene “per treno” applicando l’algoritmo del succitato DM ai treni circolati e consiste nell’acquisizione delle Informazioni Certificate che successivamente sono rese disponibili alle Imprese Ferroviarie.

I requisiti di riservatezza, integrità e disponibilità delle informazioni previsti dallo standard internazionale sono assicurati dalla funzionalità del sistema informatico PIC (Piattaforma Integrata della Circolazione, che utilizziamo per elaborare i dati.

I Dati Fondamentali per una corretta rendicontazione dei livelli di produzione dell’Azienda sono le informazioni che, in qualsiasi condizione, garantiscono sul sistema PIC una corretta fatturazione alle Imprese Ferroviarie clienti.

Garantiamo la protezione dalla divulgazione indiscriminata dei dati e/o destinata alle Imprese Ferroviarie concorrenti. In tale missione, grazie al contributo della Direzione Information&Communication Technology, che presidia la sicurezza logica dei dati, della Direzione Protezione Aziendale, che presidia la sicurezza fisica degli asset e della Direzione Commerciale ed Esercizio Rete, che garantisce il processo qualitativo e di rendicontazione del servizio, abbiamo assegnato la responsabilità dell’intero processo – ivi compreso il presidio normativo - alla Direzione Produzione.

La nostra politica per il SiGSI

emessa il 10 aprile 2015 dall'Amministratore Delegato di RFI, Maurizio Gentile

Lo sviluppo e il miglioramento continuo della Sicurezza delle Informazioni rappresenta uno dei nostri obiettivi primari. Per questo, nella consapevolezza che tale obiettivo è conseguibile solo con l’adozione di concrete misure di prevenzione, è stato realizzato, presso la Direzione Produzione, un Sistema di Gestione per la Sicurezza delle Informazioni (SiGSI), che consente di garantire la continuità gestionale e la sicurezza delle informazioni inerenti l’elaborazione dei dati di Produzione e di Rendicontazione, attraverso il sistema informatico PIC, minimizzando i danni gestionali a fronte del manifestarsi di eventuali minacce.

La sicurezza delle informazioni del sistema PIC è intesa come mantenimento dei requisiti di riservatezza, integrità e disponibilità dei dati del sistema PIC, in quanto da noi ritenuti obiettivi fondamentali per assicurare trasparenza e obiettività all’Organizzazione, alle Imprese Ferroviarie e, più in generale, agli stakeholder, oltre che per salvaguardare la conformità legale e il mantenimento di una immagine di impresa affidabile.

Le caratteristiche qualificate di questo sistema sono:

  • il coinvolgimento attivo di tutto il personale;
  • il miglioramento continuo del sistema di individuazione e valutazione dei rischi;
  • l’incidenza dei controlli sull’efficacia gestionale e la sistematica e periodica valutazione dei rischi come attività proattiva;
  • la riduzione dei rischi alla fonte;
  • il coinvolgimento attivo dei fornitori nel sistema di miglioramento;
  • l’eliminazione dei rischi in relazione alle conoscenze acquisite e in base al progresso tecnico e alla revisione organizzativa.

Il SiGSI è realizzato in conformità agli standard internazionali UNI ISO 27001:2014.

La gestione del SiGSI è assicurata dalla Direzione Produzione di RFI che, in particolare, cura e promuove tutte le misure necessarie per il suo completo recepimento all’interno del sistema ferroviario, insieme alle esigenze di sviluppo.