A A A

FS ITALIANE - Mascherine chirurgiche autoprodotte: la case history al SAIE di Bologna

Attrezzare una linea di produzione di presidi sanitari all’interno di un’officina dedicata alla realizzazione e manutenzione di componenti per l’infrastruttura ferroviaria.

E’ quanto successo nello stabilimento bolognese ONAE  (Officina Nazionale Apparecchiature Elettriche) di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) dove, dalla metà di luglio a oggi, sono stati prodotti circa 5 milioni di mascherine protettive di tipo IIR, da usare in chiave anti-Covid, certificate dall’Istituto Superiore di Sanità e destinate al personale ferroviario.

La case history è stata raccontata al SAIE di Bologna che, all’insegna del motto Riparti Italia, ritorna a Bologna Fiere dal 14 al 17 ottobre per dare nuova linfa alla filiera delle Costruzioni: progettazione, edilizia e impianti.

La presentazione è stata curata da Massimo Del Prete, Responsabile della Direzione Ingegneria di RFI.

La nuova attività ha richiesto l’adattamento di spazi dedicati all’interno dello stabilimento ferroviario del capoluogo emiliano, oltre all’acquisizione e all’installazione di macchinari ad hoc: due importati dalla Cina e un terzo prodotto in Italia grazie al quale sarà presto avviata anche la produzione di mascherine di tipo FFP2.

Per approfondire clicca qui clicca qui


Componi il tuo press kit

SAIE BOLOGNA 1
SAIE BOLOGNA 2
Nessun video da mostrare